Il cappello di Guguzza
Logo Ristorante Via Polla, 22
Toirano (Sv)
Telefono: 0182.922074
Sito internet: http://www.ilcappellodiguguzza.com

Chiusura: Mercoledì no Estate
Prenotazione: N.D
Vota qui:
8 votes, average: 4.38 out of 58 votes, average: 4.38 out of 58 votes, average: 4.38 out of 58 votes, average: 4.38 out of 58 votes, average: 4.38 out of 5 (8 voti)
Loading ... Loading ...
Costo indicativo: da €40 a €59,50 da €40 a €59,50 da €40 a €59,50 da €40 a €59,50 

:: Invia un commento :: Email This Post Email This Post ::

Descrizione:
[?]


6 Commenti :

GoloTrust: 22 Buongustaio
Mattomatteo ha scritto il 20 settembre 2008 alle 14:53

Abbiamo visitato questo ristorante ieri sera e devo dire che siamo rimasti veramente colpiti sia dalla location (è un vecchio gumbo con tanto di frantoio all’ingresso, locale tutto in pietra con “solo” sei tavoli) che dalla cucina.

Carina la scelta di segnare sul menù i piatti specialità della casa, e per questo noi abbiamo scelto 3 piatti marchiati con il cappellino di “guguzza”
Focaccina di “Guguzza” ai formaggi e salame dolce (semplice ma buono) , Ravioli di pesce lama con seppie, zucchine trombette e gocce di aceto balsamico (delicati e saporiti), Filetto di manzo con pecorino stagionato, fiocco di culatello e patate rosolate al sentore di rosmarino (ottimo) oltre ad un tortino di polpo (unico non segnalato, ma buono).
Con due dolci e una bottiglia di segreta di planeta (17€) il totale della spesa è stato di 85 €

Servizio ottimo e curato,posto sicuramente da visitare. Consigliato

Giudica il commento: 1 feedback sul commento: Gustoso

GoloTrust: 9 Nuova Forchetta
EGO ha scritto il 14 maggio 2009 alle 22:19

Abbiamo provato questo locale la scorsa settimana e ne siamo rimasti molto soddisfatti. La location è gia’ stata descritta da mattomatteo,quindi per una serata romantica come è stata per me’(anniversario di fidanzamento),è stata una scelta giusta.
Ma ora veniamo alle portate: come piatti d’entrata io ho preso delle tagliatelle di seppie scottate con verdure di stagione in pinzimonio e salsa salmoriglio,mentre la mia consorte la Focaccina di “Guguzza” ai formaggi dolci e mostardella (mi sta’ venendo ancora adesso l’acquolina a pensarci). Abbiamo poi proseguito con Cappellacci ripieni con stufato di manzo al sentore di “Bacilò” ponentino,Polpo al vapore con misticanza mediterranea e salsa verde e una tagliata di tonno spettacolare (mai mangiata cosi buona).Gia’ sazi abbiamo rinunciato al dolce ma l’aspetto era buono.Inaffiato il palato con una bottiglia di Vermentino di Albenga e un grappino alla fine ,il prezzo è stato di 100 euro. Mai speso cosi’ volentieri dei soldi per mangiare bene.Di sicuro Il cappello di guguzza rientra tra i miei 5 ristoranti preferiti. Consigliato.

Giudica il commento: 1 feedback sul commento: Gustoso

GoloTrust: 22 Buongustaio
Maxmilione ha scritto il 21 febbraio 2010 alle 13:00

Un connubio tra arte e cucina…
Le arti di un architetto sperimentate con ottimi risultati in cucina…
Location ben ristrutturata, sistemata e curata dall’Architetto stesso, tipico gunbo Toiranese arredato con stile e nel rispetto dei canoni tradizionali del posto, i materiali impiegati sono il legno e la pietra.
Il locale è intimo, pochi tavoli, quindi pochi coperti, ben distanti l’uno dall’altro, non si punta sulla quantità, sul servire frenetico, sul far cassa a tutti i costi…Al Cappello di Guguzza l’obbiettivo da raggiangiure è la qualità e la soddisfazione del cliente.

Descrizione sintetica delle portate:
Focaccina di “Guguzza” ai formaggi dolci e mostardella, piatto stuzzichevole che ci inizia a condurre verso i sapori della serata.
Bruschetta con condiglione di pomodoro fresco, acciughe marinate e bresaola di tonno…E’vero, un piatto molto semplice, ma un test infallibile, dalla semplicità di questa portata, ho subito capito, che il posto era quello giusto, olio eccezionale ottime materie prime e freschezza dei sapori, il tutto sinonimo di selezione, qualità e pulizia.
Filetto di manzo con pecorino stagionato, fiocco di culatello e patate rosolate al sentore di rosmarino, devo fare veramente i complimenti, ottimo, sia per la scelta della materia prima (la carne), sia per la preparazione del piatto. Gustoso e soddisfacente l’accostamento carne-formaggio-culatello, gusti calibrati e ben dosati, la semplicità delle patate al rosmarino, dalla bontà inaudita danno eleganza e raffinatezza al piatto.
Tutta la cena è stata accompagnata da un ottimo Nero D’Avola, fedele e sincero ai sentori e alle note poetiche dell’isola.
Da sottolineare, la premura, la cortesia, l’amichevolezza, che sono tutte Calabresi, come lo è il proprietario.
Sicuramente consigliata, oso dire uno dei miei preferiti, la prrossima volta si prova il pesece e un vino della Walch, ottima la cantina., prezzi nella norma, contando l’alta qualità del locale e tutto il suo contesto…

Giudica il commento: 1 feedback sul commento: Gustoso

GoloTrust: 2 Nuova Forchetta
pappabuona ha scritto il 27 aprile 2010 alle 18:29

Bel locale situato nel borgo antico di Toirano, elegante e molto curato. Scelgo spesso il Capello di Guguzza per cenare e devo dire che mi sono sempre trovato molto bene. Sabato 24 aprile, in particolare, ho mangiato due antipasti, secondo e dolce.
Primo antipasto: tartare di tonno fresco con crema di formaggio, davvero ottima, pesce fresco ed abbinamento davvero azzeccato.
Secondo antipasto: tortino al castelmagno con “cundigiun” , anche qui una portata davvero buona.
secondo: per secondo ho scelto una piatto un po “strano” che mi ha ricordato sapori “antichi”, fegato di vitello con patate e cipolle, il titolare mi ha detto che l’abbinamento è tipico della Calabria sua terra di origine, anche in questo caso piatto ok! (anche se la specialità della casa, a mio giudizio, è lo splendido filetto con cuore di fomaggio e avvolto nel lardo…non perdetevelo!)
Chiusura con una splendida crostatina di frutta con crema chantilly.
Non ho bevuto vino, prezzo 40 euro circa.

Giudica il commento: Nessun feedback sul commento

GoloTrust: 22 Buongustaio
Maxmilione ha scritto il 21 agosto 2010 alle 17:08

Ed eccomi ritornato…
Devo dire che il locale ha preso un ottimo giro, buono il livello della clientela e sempre eccezionale il livello del locale.
Una delle location più intime e curate della zona, è sempre un piacere cenare al Cappello di Guguzza.
Cena per due persone:
Antipasti:2 focaccine di guguzza, un toccasano per aprire la serata, davvero ottime e delicate.
Primi:
Gnocchi alla ligure con coniglio, piatto completo di ottima fattura.
Secondo:
La mia scelta ricade nuovamente sul filetto avvolto nel culatello, veramente divino, ottima la scelta della carne, tutto davvero ottimo.
Chiudiamo la cena con due dolci veramente insuperabili (Pavlova) di ottima fattura che danno il tocco finale ad una cena veramente di classe e curata in tutti i dettagli, ottima la scelta e la selezione dei liquori, io opto per un Ron agricolo invecchiato consigliato dal proprietario sempre cortese e gentile ma soprattutto attento affinchè il Cliente sia sempre soddisfatto…
Lo consiglio vivamente, ma soprattutto lo consiglio a qualche ristoratore della zona chissà che possa imparare un pò di savoir-fair….
Complimenti!!!

Giudica il commento: Nessun feedback sul commento

GoloTrust: 0 Nuova Forchetta
Shrek ha scritto il 13 agosto 2011 alle 11:51

Eccezionale!
Sulla location è stato detto tutto e non si può che confermare.
Un locale in cui finalmente si è capito che la cucina raffinata non vuol dire “piatti grandi e porzioni micro di pietanze normali, con una fogliolina qui ed una là o una spolverata di zucchero a velo, messe ad arte per vendere fumo”.
Qui si mangia benissimo, con piatti ben presentati, ma, ben più importante, estremamente curati e particolari nella scelta degli ingredienti e nella preparazione. E tutto questo senza ostentazione, né affettazione, ma solo con grande attenzione al cliente.
Abbiamo iniziato con “Polpette di melanzane viola, secondo tradizione di Calabria, scamorza affumicata, salsa di lattuga e aceto di lampone” e “Cappesante su crema di riso della “sibaritide” al nero di seppia con guanciale croccante di suino affumicato a Sauris”, buonissime le polpette, mentre le cappesante erano così particolari da lasciarmi un po’ perplesso.
Di primo: “Tortelli ripieni di pecorino sardo stagionato, ricotta, parmigiano, con ragu’ di fegatini alla toscana”, non me li sarei aspettati così delicati, squisiti.
I secondi: “Polpo ripassato con pomodorini “piccadillo”, olive taggiasche su crema di peperoni gialli e acciughe salate”, morbidissimo ed anche questo molto delicato, e “Coscia d’anatra in rete di pasta sfoglia con ghiveci di verdure della tradizione moldava”, buonissimo l’accompagnamento, forse un po’ saporita la coscia d’anatra.
Nonostante fossimo già sazi, ho fatto uno sforzo per il dolce e ne è valsa veramente la pena. “Zuppetta di banana con bavarese di mandorle e streusel di cocco”, una bontà al palato. Un dessert veramente originale.
In generale tra le altre cose, ciò che mi ha colpito è stata l’armonia dei gusti, la capacità di accostare ingredienti, di solito associati a sapori decisi, in maniera tale da ottenere pietanze sempre delicate e particolari.
Il tutto al prezzo di 83 euro, che considerata la particolarità e la bontà dei piatti, la location e l’ottimo servizio non è veramente molto!
Anche per me complimenti!!

Giudica il commento: Nessun feedback sul commento

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.